Archivi tag: Cosenza

Cedro di Calabria

Il Cedro di Calabria viene prodotto nella “Riviera dei Cedri”, geograficamente nella zona che va da Tortora a Cetraro, è un’agrume che non sopporta il freddo e che quindi ha bisogno di un clima mediterraneo con estati ventilate e inverni non troppo freddi. Il terreno migliore per la coltivazione del Cedro è quello argilloso, le piante vengono piantate allineate e protette da telai per l’inverno. Le piante di cedro vanno sottoposte periodicamente a potatura, vanno recisi i rami non fruttiferi e la raccolta dei frutti deve essere effettuata durante il giorno. Il Cedro di Calabria viene utilizzato come candito, aroma per creme o bevande, granite e in pietanze di carne o pasta per esaltare i cibi.

Arance di Calabria

L’Arancia Calabrese è ricca di sali minerali e vitamine, gustosa e altamente benefica.
La forma è tipicamente ovale con la base leggermente solcata, la buccia è sottile e di colore giallo arancio.
La polpa è di colore arancio, caratterizzata da un sapore dolce e gradevole con pochissimi di semi, e molto succosa.
Tra le Arance coltivate in Calabria le più diffuse sono le Navel, Tarocco e Valencia famose per il loro gusto unico e ricche di vitamine, vengono coltivate nella provincia di Reggio Calabria e Cosenza.

Terre di Cosenza DOP

Il VinoTerre di Cosenza DOP viene prodotto con uve dei vigneti ubicati nell’intero territorio della provincia di Cosenza.
Esistono sette diverse sottozone del Vino Terre di Cosenza DOP e queste sono: Colline del Crati, Condoleo, Donnici, Esaro, Pollino, San Vito di Luzzi e Verbicaro.
E’un vino gradevole al palato che prende varie fragranze a seconda della sua tipologia, Bianco, Rosso, Rosato.
A seconda della sua tipologia si può abbinare a qualsiasi piatto.

Savuto DOC

Il vino Savuto DOC è prodotto nella zona delle province di Cosenza e Catanzaro, dove nascono le due tipologie, rosso e bianco.
La gradazione alcolemica minima è di 12°  e la qualificazione a vino Superiore Savuto DOC si ottiene dopo almeno tre anni di invecchiamento.
Vino ideale per accompagnare a tavola primi piatti saporiti e secondi di carne bianca e rossa.

 

Olio Extravergine di Oliva Bruzio Dop

L’Olio  Extravergine di Oliva Bruzio Dop viene prodotto nella provincia di Cosenza. Si suddivide in  quattro menzioni geografiche :
Fascia Prepollonica  deve essere ottenuto dalla varietà Tondina in misura non inferiore al 50%, Carolea in misura non superiore al 30%, Grossa di Cassano in misura non inferiore al 20%.  Valle Crati deve essere ottenuto dalla varietà di olivo Carolea in misura non inferiore al 50%, Tondina in misura non superiore al 30%, Rossanese o Dolce Rossano in misura non inferiore al 20%.  Colline Joniche Presilane deve essere ottenuto dalla varietà di olivo Rossanese o Dolce di Rossano in misura non inferiore al 70%. Sibartide deve essere ottenuto dalla varietà di olive Grossa di Cassano in misura non inferiore al 70% e Tondina in misura non superiore al 30%. L’Olio Extravergine di Oliva Bruzio   ha ottenuto il marchio Dop nel 1997.

www.consorziodopbruzio.it

 

Limone di Rocca Imperiale IGP

La zona di produzione del  Limone di Rocca Imperiale Igp  è nel solo territorio comunale  di Rocca Imperiale. Le caratteristiche peculiari del Limone di Rocca Imperiale sono la resa in succo superiore al 30%, contenuto in limonene superiore al 70% che insieme ad altri componenti aromatici conferisce ai frutti un profumo, forte ed intenso. Queste caratteristiche qualitative ed organolettiche si differenziano da quelle provenienti da altri areali di coltivazione, conferendo ai frutti una propria identità nei mercati locali, regionali e nazionali.  L’Indicazione Geografica Protetta “Limone di Rocca Imperiale” e’ riservata ai frutti provenienti dalle cultivar del gruppo Femminello, appartenente alla specie botanica Citrus Limun Burm., noti nel comprensorio col nome di “Limone di Rocca Imperiale”.

Fichi di Cosenza DOP

I Fichi di Cosenza hanno la buccia verde giallognola, sottile ed elastica, polpa rosata, molle, dolcissima, aromatica e presenta al suo interno semi piccolissimi. Sono molto adatti ad essere essiccati e con la loro consistenza morbida, pastosa, elastica, piena e carnosa hanno una resa superiore rispetto ad altre varietà. Sono altamente zuccherini e la loro conservazione è molto facile.
Per essiccare il frutto, per prima cosa, viene lasciato appassire naturalmente sulla pianta, poi vengono raccolti e fatti asciugare al sole. Una volta essiccati vengono lavorati per poi essere commercializzati.
I Fichi di Cosenza sono stati riconosciuti nel 2010 con il marchio di qualità DOP.

Clementine di Calabria IGP

Incrocio tra arancio amaro e mandarino, coltivate in Italia sin dagli anni ’30, hanno trovato uno dei loro habitat ideali in Calabria.
Vengono raccolte da ottobre a fine febbraio, sono quasi del tutto prive di semi, ricche di vitamine, aromatiche e molto dolci, si possono gustare fresche o essere trasformate in canditi, marmellata, succhi, sorbetti, dolci o liquori.
Per tutelare e promuovere le Clementine di Calabria I.G.P. è stato istituito il Consorzio per la Tutela della I.G.P. “Clementine di Calabria” e riconosciuto con Decreto Ministeriale n° 64379 del 9 giugno 2006, pubblicato sulla GU N. 147 del 27/06/2006.

www.igpclementinedicalabria.it

Patata della Sila IGP

La Patata della Sila è un prodotto della montagna, coltivato sull’altopiano calabrese, in un terreno ricco di potassio, irrigato con acqua di sorgente e clima con forti escursioni termiche le conferiscono caratteristiche uniche. Coltivata sull’altopiano Silano, di forma tonda-ovale, con buccia resistente, presenta una percentuale di amido superiore alla media ed una polpa compatta. La capacità di conservazione e il mantenimento delle caratteristiche rendono la patata della Sila storicamente molto utilizzata per le provviste invernali in tutta l’area dell’Altopiano. La patata Silana è iscritta nell’albo dei prodotti di montagna oltre ad essere stato riconosciuto dall’UE prodotto IGP.

www.patatadellasilaigp.com