Archivi categoria: Spezie

Zafferano dell’Aquila DOP

Lo Zafferano dell’Aquila DOP viene prodotto nei territori della provincia dell’Aquila. La coltivazione del Crocus Sativus L., dal quale si ricava lo zafferano, inizia con una aratura alla profondità di 30 cm, i bulbi vengono messi in aiuole costituite da 2 o 3 file. I fiori sono composti da sei petali di colore roseo-violaceo, lo stimma rosso scarlatto e le foglie sono di colore verde scuro e arrivano a 40 cm di lunghezza. I fiori vengono raccolti intorno alla seconda quindicina di ottobre e sempre di prima mattina, quando ancora il sole non li ha aperti, poi avviene la sfioritura e l’asportazione degli stimmi. Gli stimmi vengono tostati sopra il camino e infine vengono macinati e si crea così la polvere pronta da confezionare in bustine.
Nel 2005 ha ottenuto il riconoscimento DOP.

www.zafferanodop.it

Zafferano di Sardegna DOP

Lo Zafferano di Sardegna DOP è una pianta erbacea formata da bulbo, foglie e fiori. La sua zona di produzione comprende il territorio dei comuni di San Gavino Monreale, Turri e Villanovafranca, situati nella provincia del Medio Campidano. Ha foglie strette, lineari e allungate di colore verde intenso, il fiore è di colore violaceo con striature più scure e gli stimmi interni di colore rosso scarlatto. La lavorazione dello Zafferano di Sardegna prevede la separazione degli stimmi e poi la loro essiccazione al sole o in appositi forni.
Nel 2006 ha ottenuto il riconoscimento Dop.

Zafferano di San Gimignano Dop

La zona di produzione dello  Zafferano di San Gimignano  è solo ed esclusivamente nel  territorio comunale di San Gimignano. Lo Zafferano di San Gimignano  è costituito esclusivamente dalla parte di colore rosso aranciato, sottoposta a tostatura, degli stimmi dei fiori provenienti dalla coltivazione del bulbo-tubero “crocus sativus L.”, pianta erbacea monocotiledone appartenente alla famiglia delle iridacee. Gli stimmi si presentano in filamenti dilatati e sfrangiati alla sommità. Dopo la tostatura, il loro colore vira da aranciato in un caratteristico rosso bordeaux.  Nel 2005 ha ottenuto il riconoscimento Dop.